Luciano Benetton torna in azienda

Luciano Benetton

Aveva lasciato l’azienda nel 2008 con un bilancio in attivo di 155 milioni di euro, ne riprende le redini con un passivo di 81 milioni, imputabile alla cattiva gestione definita addirittura “malavitosa” dei manager e alle loro scelte di marketing.

“Un dolore intollerabile” sono queste le parole che usa Luciano Benetton per spiegare i motivi che lo hanno indotto a tornare alla redini del marchio di abbigliamento diventato celebre in tutto il mondo.

“Hanno smesso di fabbricare i maglioni. È come se avessero tolto l’acqua a un acquedotto.” Sono proprio le scelte di marketing che non solo non hanno convinto il Patron dell’azienda ma sopratutto la clientela che negli anni è calata vertiginosamente.

Frasi pesanti, una feroce critica nei confronti della gestione attuale di cui Benetton stenta a comprenderne le scelte, arrivando a pensare anche che “chi governava l’azienda l’avesse fatto apposta”.

Luciano, il più anziano dei 4 fratelli che negli anni sessanta fondarono l’omonima azienda ha deciso di affidare nuovamente ad Oliviero Toscani  la nuova campagna di marketing per riportare in auge il brand e di ridare colore agli oltre 6.000 store diventati secondo lui “bui e tristi come quelli della Polonia comunista”.

Booking.com