Salute sessuale: un problema sociale secondo l’OMS

 La salute sessuale è uno dei cinque aspetti essenziali della Strategia globale per la salute riproduttiva approvata dall’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2004.

L’OMS ha definito il concetto di salute sessuale come l’assenza di malattie, disfunzioni e infermità, ma soprattutto come il raggiungimento di uno stato di benessere fisico, sociale e mentale. A causa di questo, la salute sessuale non è condizionata soltanto da ciò che riguarda il sesso e la sessualità, ma anche dagli aspetti sociali, psicologici ed emozionali che influenzano l’individuo. Il concetto sopracitato è stato espresso dall’OMS nel 1974 nella definizione di salute sessuale:

“La salute sessuale è l’integrazione degli aspetti somatici, affettivi, intellettuali e sociali dell’essere sessuale in modalità positivamente arricchenti e che valorizzano la personalità, la comunicazione e l’amore”.

Con questa considerazione l’OMS afferma di escludere qualunque attività sessuale che non sia finalizzata alla procreazione e il concetto di sessualità si accosta a quello di amore, dando per scontato che fanno parte del concetto di salute sessuale anche i sentimenti amorosi.

La salute sessuale è condizionata dai diritti sessuali, intesi come “diritti umani relativi alla salute sessuale”. Questi includono il diritto di tutte le persone a: raggiungere il più alto livello di salute sessuale; ricevere e diffondere informazioni sulla sessualità; educazione sessuale; rispetto dell’integrità fisica; scelta del partner; relazioni sessuali consensuali; matrimonio consensuale; decidere se essere sessualmente attivi o meno; decidere se e quando avere figli; perseguire una vita sessuale piacevole e sicura.

Infine, l’OMS afferma che la giusta esercitazione di tali diritti è completa nel caso in cui un individuo rispetti i diritti degli altri.

Booking.com