Batteria Macbook Pro: come preservarne le funzionalità

L’idea di scrivere questa breve guida nasce da un episodio reale capitato alla nostra redazione; un vecchio Macbook Pro modello late 2012, riposto per qualche mese all’interno di un armadio, ha iniziato a gonfiarsi fino a spaccare la scocca in alluminio. Attenzione: il primo segnale è stato il touchpad che ha smesso di funzionare e sembrava leggermente sollevato da un lato. Se noti questo fenomeno sei ancora in tempo per non subire i danni che abbiamo riportato noi!

La batteria del Macbook Pro si è gonfiata

Questa è la sintesi dell’episodio che ci è capitato. A seguito di approfondimenti e dell’intervento di un tecnico specializzato, abbiamo scoperto che molti dispositivi elettronici, in realazione ad alcuni fattori ambientali, agli urti e infine, ma non necessariamente, anche  all’usura, rischiano di subire degli squilibri chimici che ne provocano delle alterazioni, fino al rigonfiamento.

Cosa fare se la batteria del Macbook Pro si è gonfiata?

La risposta è semplice, va sostituita. Nel nostro caso abbiamo dovuto anche acquistare su Ebay una scocca posteriore in sostituzione di quella originale che era ormai deformata.

Le soluzioni sono fondamentalmente due: o ci si affida all’assistenza ufficiale Apple presso uno dei molteplici Apple Store dove, in caso il dispositivo risulti fuori garanzia, è prevista una spesa di circa 139€.

Noi abbiamo optato per l’acquisto di una batteria compatibile su Amazon, stando attenti ad acquistare un prodotto che avesse un buon numero di recensioni positive, individuando il modello Sloda come uno tra i più affidabili. La batteria è arrivata dopo qualche giorno corredata anche di due cacciavite magnetizzati ed è stata sostituita direttamente da noi in maniera molto semplice. Infatti è stato sufficiente svitare prima le viti della scocca posteriore, successivamente svitare le due viti che tengono ferma la batteria, staccare il connettore che collega la batteria alla scheda madre e rimuovere la batteria, inserendo al suo posto quella nuova, ripetendo la procedura al contrario.

  Come mantenere in vita la batteria del Macbook Pro?

In seguito a questo fenomeno abbiamo imparato ad effettuare una manutenzione ordinaria ai nostri dispositivi che ci permetterà di non subire nuovamente gli indesiderati effetti di cui abbiamo parlato prima.

Consigli utili:

  • Caricare la batteria con regolarità, almeno una volta al mese;
  • Non far scaricare completamente la batteria, metterla in carica quando scende sotto il 7% della carica;
  • Se si prevede di lasciare il computer spento per più di 3 settimane, è consigliabile caricare la batteria fino al 50% della sua capacità ed conservare il computer in un ambiente fresco ed asciutto;
  • In caso di primo utilizzo, si consiglia di utilizzare la batteria fino al /% dopdoichè mettere in carica il computer spento per almeno 12 ore. Ripetere questa procedura per 2-3 volte per ottimizzare le performance della batteria e garantire la massima efficacia.

Seguendo questi semplici consigli garantirete una maggiore longevità alla batteria e di conseguenza al vostro computer.

Se volete vedere altri modelli di batterie compatibili date una occhiata a questi prodotti Amazon

 

Booking.com