Bagagli Ryanair cosa bisogna sapere prima di partire

Ryanair ormai da anni si pone come la prima compagnia low cost in Europa, capace di far volare le persone da un capo all’altro del Vecchio Continente davvero con pochi spiccioli. Chi, però, da anni è abituato a utilizzare questa compagnia aerea sa perfettamente come al prezzo basso per il singolo volo corrispondano poi pagamenti extra per tutti gli altri servizi.

Ad esempio, saltare la coda all’imbarco e avere il privilegio di salire per primi è un benefit che si paga così come la consumazione di pasti piuttosto che l’imbarco del bagaglio. L’unica cosa compresa nel biglietto, oltre ovviamente al trasporto, è il bagaglio a mano che fino a qualche settimana fa si poteva portare gratuitamente con sé in cabina. Ma dal primo novembre 2018 anche questa certezza è venuta a crollare. Scopriamo insieme, allora, tutto quello che c’è da sapere sui bagagli prima di partire con un volo Ryanair.

La regolamentazione del bagaglio da stiva Ryanair

Già da diversi anni per l’imbarco di un bagaglio da stiva fino a 20 kg Ryanair prevedeva il pagamento di un costo fisso. Con la nuova normativa sul bagaglio da cabina non cambia nulla circa le tariffe di quello da stiva. Quindi un bagaglio che supera le dimensioni consentite in cabina, il peso di 10 kg oppure contiene dei prodotti e degli oggetti che non sono consentiti nel bagaglio a mano, devono necessariamente essere trasportati in stiva. Al momento del check in, quindi, previa presentazione del proprio biglietto, la valigia verrà presa in consegna dal personale dell’aeroporto, imbarcata nella stiva dell’aereo e riconsegnata all’aeroporto di arrivo attraverso i rulli portabagagli. Questa soluzione solitamente non era la preferita dei clienti sia per il costo da affrontare per ogni valigia che per il tempo che si perdeva nell’aspettare la riconsegna del bagaglio. È comunque una soluzione obbligatoria, però, se c’è la necessità di trasportare molti bagagli oppure una valigia estremamente voluminosa.

Le nuove regole per il bagaglio a mano Ryanair

Dal primo novembre 2018, però, anche i bagagli a mano devono essere necessariamente pagati. Il passeggero ha davanti a sé, però, diverse soluzioni a costi differenti. I passeggeri dei voli Ryanair possono portare con sé in cabina gratuitamente solo bagagli le cui dimensioni rientrano in quel 40x20x25 centimetri che contraddistinguono una borsa da donna oppure un piccolo zaino. Per poter portare un trolley, invece, è necessario seguire un’altra strada. La valigia viene trasportata gratuitamente se il passeggero ha acquistato, al momento della prenotazione dei biglietti, l’imbarco prioritario: attenzione, però, perché gli imbarchi prioritari sono solo 95 a tratta. In caso contrario dovrà provvedere a pagare il trasporto del trolley in cabina. Il bagaglio a mano può essere acquistato fino ad un’ora prima della partenza ma esiste una differenza di prezzo fra l’acquisto contemporaneamente al biglietto e quello successivo. In alternativa, il diritto al trasporto del bagaglio a mano può essere acquistato al momento del chek in oppure direttamente prima dell’imbarco, al gate. In questi ultimi due casi i costi sono notevolmente superiori.

I costi per l’imbarco del bagaglio da stiva e di quello a mano

Ogni soluzione, quindi, ha il suo costo specifico. In particolare acquistare il diritto al trasporto del bagaglio a mano insieme al biglietto prevede un costo di 8 euro a collo. Se invece la stessa operazione viene effettuata in un secondo momento, il costo sale fino a 10 euro. Molto più salato il conto di chi decide di acquistare il bagaglio a mano direttamente al check in piuttosto che al gate. In questi casi i costi lievitano fino a 20 e 25 euro per trolley: un prezzo che non raramente può superare anche il costo stesso del volo. Costi più elevati sono previsti per il trasporto del bagaglio da stiva. Si parte da un costo di 20 euro per una valigia che non superi i 20 kg in un volo della durata inferiore alle due ore per arrivare ai 25 se il volo supera quella durata temporale. I costi per la valigia da stiva, però, possono aumentare notevolmente per le tratte più richieste oppure se il periodo del viaggio corrisponde a quello di alta stagione. Anche nel caso del bagaglio da stiva occorre effettuare l’acquisto direttamente con il volo aereo.

Quale soluzione conviene

È difficile dire quale soluzione sia la più conveniente perché molto dipende dalle caratteristiche personali e dalle esigenze di ogni singolo passeggero per il volo che si appresta ad effettuare. Generalmente, però, se si ha la necessità di trasportare solo il bagaglio a mano, forse converrebbe prendere in considerazione l’acquisto dell’imbarco prioritario. In questo modo, infatti, si garantisce il trasporto anche di un trolley da cabina pagando esclusivamente il costo dell’imbarco prioritario che è di 6 euro a passeggero. Una scelta conveniente che però non è illimitata. La politica della Ryanair, infatti, consente che per ogni volo siano presenti esclusivamente 95 imbarchi prioritari. L’acquisto di un volo aereo molto in prossimità della data di partenza piuttosto che il non decidere in fretta sulla questione bagagli pone il passeggero nel serio rischio di non trovare più l’imbarco preferenziale e di dover ricorrere necessariamente al pagamento del proprio bagaglio. Bisogna, quindi, ormai prestare molta attenzione alla questione del bagaglio, sia a mano che da stiva.

L’azione dell’Antitrust

A poche ore dall’entrata in vigore di queste nuove regole sul bagaglio, però, ecco che la Ryanair subisce il primo stop alla sua nuova politica di prezzi. L’Antitrust, infatti, ha deciso di vederci chiaro e ha bloccato sia la Ryanair che la WizzAir, un’altra compagnia low cost che sulla scia della prima ha introdotto la novità del pagamento del bagaglio a mano. Secondo l’Antitrust l’eventualità di pagare un costo per poter imbarcare il bagaglio a mano rappresenta un elemento fuorviante che non fa comprendere il reale costo del biglietto stesso in quanto tutte le altre compagnie aeree fanno ricomprendere questa cifra nel costo del servizio standard. In questo caso, quindi, Ryanair viola le regole della concorrenza leale e si pone in una situazione di vantaggio rispetto a tutti gli altri operatori del mercato. Ovvia e attesa la reazione della compagnia irlandese che nei prossimi giorni porterà all’Antitrust le sue giustificazioni. In attesa di questa audizione, però, la nuova politica del pagamento del bagaglio a mano è sospesa e i passeggeri possono imbarcare gratuitamente i propri trolley.

Booking.com